La Ragazza Straniera

L’amore, le amicizie, le delusioni e le sconfitte ci fanno maturare, ci fanno crescere spiritualmente e ci fanno capire quali sono i veri valori!

“Casa” non è un luogo, è un sentimento!

su aprile 20, 2016

 

img_20160420_223550.jpg

La storia della Ragazza Straniera

Mi chiamo Elena Vlăsceanu, sono nata l’1 marzo 1989 a Călărași in Romania e ho vissuto a Modelu, un comune che si trova a solo 3 km da Călărași. Mi sono diplomata nel 2008 al Colegiul Tehnic “Stefan Banulescu” profilo Pedagogico, dopo di che ho fatto il concorso per insegnante di scuola d’infanzia ed educatore di asilo nido avendo la fortuna e le capacità necessarie per prendere un posto proprio nel comune dove vivevo. Lo stesso anno mi sono iscritta alla facoltà di Scienze Motorie dell’università Spiru Haret Bucarest.

Adesso vivo in Sicilia, in un piccolo paesino di montagna in provincia di Enna, Nicosia, che per me è meravigliosamente bello!

Sono arrivata in Italia, a Nicosia per la prima volta nel 2011 in vacanza per Pasqua, a luglio dello stesso anno mi sono presa la laurea triennale in scienze motorie e poi ad agosto ho deciso di prendermi le aspettative per un anno dal asilo dove lavoravo già come insegnante di scuola d’infanzia. L’asilo che era vicino casa mia, e dove mi trovavo benissimo, era un posto accogliente e lavoravo con delle persone meravigliose, solo che ho pensato di provare questa nuova esperienza, anche perché gli stipendi in Romania non erano così soddisfacenti.

Arrivata in Sicilia, a Nicosia, ho iniziato a fare la cameriera, era un lavoro totalmente diverso da quello che avevo già fatto però si guadagnava di più e riuscivo a mettermi qualcosa da parte.

Molti mi hanno chiesto: Perché?

Io risponderò così: Ho conseguito una laurea, conosco 5 lingue, ho studiato tanto per poter realizzare i miei sogni, da piccola avendo tutto l’appoggio necessario e potevo fare tutt’altro, ma arrivata qui mi sono innamorata di questo paesello e adesso non voglio andare più via. Ho lavorato un anno come cameriera fissa poi ho fatto l’addetta alle vendite in un centro scommesse, rinunciando in questo modo al posto che avevo in Romania. Da novembre 2015 sono disoccupata ma continuo a lavorare a servizi extra sempre come cameriera perché il lavoro onesto rende l’uomo migliore. Non dipende da capacità, ricchezza, aspetto personale, ceto sociale o da altri fattori indipendenti da noi. Tuttavia molti non possiedono il tesoro di una buona reputazione. È una rarità. Si, sono rumena e non mi vergogno di esserlo, e anche se molte volte sono stata giudicata per la mia nazionalità, non ho mai avuto problemi di nessun tipo.

Sono sicura che se un giorno dovessi tornare in Romania, l’Italia rimarrà la mia seconda casa. Perché l’Italia è uno stile di vita, un incantesimo che ti cattura e ti porta via con se per sempre.
Ho imparato che l’eccellenza italiana è dovuta alla predisposizione speciale che gli italiani hanno per il lavoro fatto con tanta passione, pazienza e perseveranza. L’eccellenza italiana non significa solo automobili, moda e lusso.

Se dovessi scegliere una sola parola per descrivere la Sicilia questa è “BELLEZZA”.          La grande bellezza la trovi dappertutto. Tanta bellezza e storia che ti spinge non solo a desiderare di vedere ancora più posti, ma anche conoscerli. Di sicuro, non troverai da nessuna parte del mondo tanta gente che parla e parla e parla.

Tornando a noi, Nicosia, che è un comune italiano si trova in provincia di Enna ed è caratterizzato da strade in pietra e da abitazioni ricavate nella roccia, è la mia seconda casa. Qui ho incontrato delle persone meravigliose. Nel paesello, la gente ti saluta, ti sorride, ti parla e questo ti da l’impressione che sei uno di loro, ti fa sentire a casa. La bellezza straordinaria di questo paese, i palazzi, le montagne e le sue caratteristiche ti catturano.
Sono assolutamente convinta che il concetto “casa” ha diversi significati per ciascuno di noi, purché si sa esattamente dov’è e cosa rappresenta.
Per me a casa non è solo il luogo dove mi sento amata, ma anche il luogo dove mi sento al sicuro. “A casa” per me è sinonimo di amore, felicità e pace. “A casa” è dove sono accettata per quello che sono. “A casa” è dove puoi respirare sollevato dopo una dura giornata. “A casa” è un’altra dimensione della mia esistenza. “A casa” per me c’è la famiglia, l’amore e gli amici.
“Casa” non è un luogo, è un sentimento!

La Ragazza Straniera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: